Sezioni


REGOLAMENTO APPLICATIVO PER LE SEZIONI

Art. 1 – Costituzione
1.1 La Sezione di cui all’art. 7 Statuto, che vale quale Rappresentanza Sindacale Aziendale (RSA) ai sensi e per gli effetti dell’art. 19 Legge 300/70, è costituita da tutti gli iscritti indipendentemente dal loro numero, appartenenti a ciascuna Azienda o ad altra realtà strutturata in cui si articola il Servizio Sanitario Regionale (SSR).
1.2 Il Consiglio Regionale può deliberare, in relazione al modello organizzativo della Regione, la possibilità di costituire articolazioni di Sezione ricomprese in ciascuna azienda o in altra realtà strutturata.
1.3 Il modello organizzativo, deliberato dal Consiglio Regionale, deve comunque mantenere inalterate l’impostazione strutturale dell’Associazione e le prerogative di ogni singola struttura come previste dallo Statuto.
1.4 Ogni Sezione è retta da un Segretario che la rappresenta a tutti gli effetti salva l’ipotesi di cui all’art.1.2 Regolamento Applicativo delle Regioni./su_spoiler]
Art. 2 - Scopi e vincoli
2.1 Ogni Sezione persegue gli scopi dell’art. 3 e s’inquadra nella struttura organizzativa prevista dall'art.5 Statuto.
2.2 Le Sezioni operano altresì nel rispetto di tutte le norme statutarie e regolamentari vigenti, nonché di tutte le decisioni degli Organi nazionali e, regionali della Associazione.
Art. 3 – Organi
3.1 Sono Organi delle Sezioni:
a) l’Assemblea;
b) il Segretario;
c) il Vicesegretario;
d) il Consiglio di Sezione.
Art. 4 - Elezioni degli Organi di Sezione
4.1 L’Assemblea degli iscritti alla Sezione è l’organo di indirizzo e di verifica per tutta l’attività sindacale svolta dalla relativa Sezione e dai suoi Rappresentanti.
4.2 L’Assemblea degli iscritti della Sezione elegge il Segretario ed il Vicesegretario di Sezione, nonché ove la Sezione raggiunga almeno 50 iscritti, un numero di Consiglieri Regionali in ragione complessiva, compreso il Segretario, di uno ogni 50 iscritti o frazione di 50 superiore a 25.
4.3 Le elezioni delle cariche di Sezione e dei Consiglieri Regionali possono altresì avvenire con la costituzione di un seggio aperto per un massimo di 12 ore diurne, presieduto e custodito dal Segretario uscente o suo delegato. E’ consentita la presenza degli iscritti all’interno del seggio.
4.4 Ciascuna Sezione con meno di 50 iscritti può consorziarsi con altra/e Sezione/i con meno di 50 iscritti per raggiungere complessivamente almeno 50 iscritti o frazione di 50 superiore a 25 ai fini della elezione dei Consiglieri Regionali. Forme analoghe di aggregazione consortile sono residualmente ammesse nella sola ipotesi di Sezioni con meno di 50 iscritti e Sezioni che, pur avendo già espresso Consiglieri Regionali, abbiano resti che non consentano l’elezione di ulteriori Consiglieri onde garantire il recupero di rappresentatività. All’elezione – tra gli iscritti alle Sezioni interessate – provvedono i Segretari delle Sezioni stesse. L’eletto decade dalla carica di Consigliere Regionale ove, all’esito della verifica annuale di cui all’art. 17 co. 3 Statuto, una delle Sezioni raggiunga un numero di iscritti tale da trovare applicazione l’art. 7 co. 3 Statuto. I Segretari delle Sezioni consorziate residue procedono quindi alla elezione dei Consiglieri Regionali di loro pertinenza.
Art. 5 – Attribuzioni e compiti del Segretario di Sezione e delle altre cariche aziendali
5.1 Il Segretario riferisce sull’andamento della propria Sezione al Segretario Regionale ed al Consiglio Regionale di competenza. Tiene aggiornato l’elenco degli iscritti e comunica tempestivamente le variazioni alla segreteria regionale.
5.2 Il Segretario presiede, e ne tiene verbale, l’Assemblea di Sezione, che convoca almeno una volta l’anno, salvo casi d’urgenza, od entro i trenta giorni successivi alla richiesta scritta avanzata da almeno un quinto degli iscritti della Sezione.
5.3 L’Assemblea è convocata, a mezzo di comunicazione scritta e/o avviso in bacheca ovvero a mezzo pec, con preavviso di almeno sette giorni. La convocazione contiene l’ordine del giorno da trattare.
5.4 Il Segretario trasmette, negli stessi termini, copia della convocazione al Segretario Regionale e gli invia, entro i successivi sette giorni, copia del verbale.
5.5 Il Segretario è tenuto ad iscrivere all’ordine del giorno tutti gli argomenti di cui sia richiesta la trattazione da parte di almeno un quinto degli iscritti alla Sezione.
5.6 Il Segretario convoca altresì almeno due volte l’anno il Consiglio di Sezione.
5.7 Il Vicesegretario collabora con il Segretario e lo sostituisce, in tutte le funzioni sindacali di competenza di questi, in ogni caso d’impedimento od assenza, anche in carenza di delega scritta.
5.8 I Referenti collaborano con i rispettivi Segretari nelle attività della Sezione.
Art. 6 – Consiglio di Sezione
6.1 Il Consiglio di Sezione è composto dal Segretario, dal Vicesegretario e dai Consiglieri Regionali della Sezione nonché dai Referenti di ciascun presidio o distretto compresi nella Sezione individuati sulla base dei rispettivi regolamenti Regionali. Alle riunioni del Consiglio partecipano, senza diritto di voto, gli iscritti aventi cariche elettive nazionali dipendenti dell’Azienda.
6.2 Il Consiglio è convocato e presieduto dal Segretario della Sezione.
Art. 7 - Durata delle cariche di Sezione e decadenza
7.1 Tutte le cariche elettive di Sezione hanno durata quadriennale.
7.2 Sono causa di decadenza anticipata dalle cariche di Sezione, oltre le ipotesi previste dall’art. 6 Statuto, anche le seguenti:
– il trasferimento, anche temporaneo, ad altra Azienda;
– l’assenza, non formalmente e tempestivamente giustificata, del Segretario della Sezione con diritto di voto, non opportunamente sostituito, a tre riunioni debitamente convocate del Consiglio Regionale, previa delibera dello stesso;
– l’assunzione dell’incarico di Direttore Generale, Sanitario ed Amministrativo sul territorio nazionale.
7.3 Il commissariamento della Sezione ai sensi dell’art. 11 co. 4 Statuto fa decadere, ex art. 6 co. 6, tutte le cariche elettive.
7.4 Non appena avuta conoscenza della vacanza di una carica per decadenza del titolare prima del termine naturale, il Segretario della Sezione provvede a darne comunicazione al Segretario Regionale per la ratifica del subentro del primo dei non eletti o, in difetto, convoca un’assemblea per la elezione della carica.
7.5 Se la carica decaduta è quella di Segretario di Sezione, la convocazione dell’Assemblea è di competenza del Segretario Regionale.
Art. 8 - Perdita del diritto di voto
8.1 In caso di scadenza delle cariche di Sezione senza rinnovo delle medesime a termini statutari e regolamentari vigenti, esse perdono il diritto di esprimere il loro voto negli organismi ove è statutariamente previsto.
Art. 9 – Il Coordinamento delle Sezioni
9.1 Qualora il regolamento regionale lo preveda, i Segretari delle Sezioni di cui all’art. 8 co. 1 p.p. Statuto, appositamente convocati dal Segretario Regionale, eleggono tra gli iscritti un Coordinatore delle Sezioni che partecipa come tale al Consiglio Regionale.
9.2 Egli esprime il voto della Sezione che ne abbia titolo nel solo caso in cui sia assente giustificato il Segretario della Sezione medesima.
9.3 Il Coordinatore convoca i Segretari delle Sezioni almeno tre volte l’anno ovvero ogni qualvolta, per sopravvenute ragioni di urgenza, ne valuti l’opportunità.
9.4 Spetta al Coordinatore, sulla scorta delle indicazioni di politica sindacale proveniente dalla Regione, garantire l’uniformità dell’attività sindacale sulle tematiche di interesse sovra sezionale ed omogeneizzare le espressioni ed i comportamenti nelle sedi istituzionali corrispondenti al proprio livello di rappresentanza.
9.5 I regolamenti Regionali possono individuare, a termini dell’art. 8 Statuto, altre prerogative attribuibili al Coordinatore.