stampa chiudi

Seconda delibera dell'Azienda sul recupero ore e ferie


Delibera del 21 Aprile 2005 Azienda Sanitaria

Oggetto:
Personale delle Aree Dirigenziali - Linee operative riguardanti la gestione delle ferie, dei riposi compensativi, dell'orario di lavoro riguardante i Direttori/Dirigenti Responsabili di Direzione di Struttura Complessa - Anno 2004 e pregressi.

Con precedente nota di pari data sono stati chiariti i criteri generali di gestione degli istituti contrattuali in oggetto allo scopo di uniformare, in materia, i comportamenti di tutte le strutture aziendali. Nel ribadire l'importanza della piena osservanza delle citate direttive, si inviano con la presente le I i nee operati ve per la corretta sistemazione dell'anno 2004, facendo altresi riserva di valutare successivamente e separatamente la situazione pregressa

FERIE

a) Individuazione delle ferie residue maturate e non fruite alla data del 31.12.2004.

b) Scomposizione del totale complessivo sub a) in:
. Totale ferie relative all'anno 2004
. Totale ferie relative agli anni precedenti

c) Verificare che il personale, operante su n. 5 giorni settimanali e al quale siano stati erroneamente accreditati n. 36 giorni di ferie ( base settimanale: 6 gg. X 6 ore e 20 min.), abbia comunque fruito di n. 4 giornate di ferie su altrettante giornate di sabato. In caso contrario compensare, in tutto o in parte, con giornate di ferie relative al 2004. Verificare che nel credito ferie maturato non vi siano incluse, in tutto o in parte, le ''ferie aggiuntive'' (n. 15 gg. owero n. 8 gg.) previste per il personale professionalmente esposto a rischio. Dette giornate infatti non possono essere oggetto di trasferimento nell'anno successivo a quello di maturazione.

d) Verificare il numero delle giornate di ''recupero-ore'' eventualmente fruite in modo improprio dai dirigenti in difformità delle disposizioni regolamentari (cfr. Circo Dir. Pers. prot. n. 2.01/1901 del 22.01.1998 - prot. n. 2.01/20345 dd. 1.7.1998 - pro!. n. 2.01/36792 dd. 21. ] 2. ] 999) e provvedere alla sostituzione delle giornate medesime con altrettante giornate di ferie maturate e non .fruite relative all'anno 2004. Devono ritenersi però autorizzati i ''Riposi compensati vi per attività lavorativa prestata in giornata domenicale'' ovvero i ''Riposi compensativi per pronta disponibilità festiva'', o, infine, i ''Riposi compensativi per attività di guardia notturna''.

e) Verifica definitiva del saldo ferie (2004 ed anni prec.) maturate e non fruite alla data del
31.12.2004, dopo l'intervento delle operazioni sub c) e d).

t) Nel caso risulti a credito del dirigente un residuo ferie pro anno 2003 e precedenti - previa attestazione del Direttore di Struttura Complessa, ovvero del Direttore di Articolazione Organizzativa Fondamentale, che comprovi l'oggettiva impossibilità di fruizione delle ferie medesime per indifferibili esigenze di servizio o per cause indipendenti dalla volontà del dirigente - tali giornate saranno ''accantonate'', con possibilità di pagamento sostitutivo che verrà effettuato dall'Azienda all'atto della cessazione del rapporto di lavoro del dirigente.
Nell'intento comunque di abbattere il più possibile il credito-ferie dei dirigenti - acquisito il preventivo parere favorevole del Direttore (Dirigente Responsabile) di U.O./Servizio e del Direttore del!' Articolazione Fondamentale Aziendale - è data facoltà di programmare la fruizione del credito-ferie 2003 ai Dirigenti/Direttori che vantano un quantitativo di giornate tale da consentire l'utilizzo nel corso del 2005 e seguenti, senza con ciò pregiudicare la
funzionalità dei servizi. Di tale deroga dovrà essere fornita specifica e distinta segnalazione al Servizio Amministrazione della struttura di riferimento per consentire le necessarie registrazioni.

g) Per quanto riguarda il residuo ferie pro 2004, maturate e non fruite entro il 31.12.2004, lo stesso dovrà essere utilizzato entro il termine del 30.06.2005.Da una prima valutazione effettuata alla luce dei resoconti forniti dal sistema informatico, il credito delle ferie maturate e non fruite al]a data del 31.12.2004 risulta in taluni casi di notevole enti~à. Tale situazione è aggravata dalla circostanza che sovente vi sono più soggetti appartenenti alla medesima Unità Operativa o Servizio che vantano crediti consistenti di ferie arretrate.
Per quanto precede appare necessario, in via transitoria e limitatamente al presente esercizio 2005, demandare alla responsabile valutazione dei Direttori di Struttura Complessa! Direttori di Articolazione Organizzativa Fondamentale, la pianificazione del completo esaurimento del credito ferie 2004 anche oltre il termine fissato del 30.06.2005, onde non pregiudicare la funzionalità dei servizi. Si ribadisce peraltro, sin d'ora, che il credito che dovesse essere evidenziato alla data del 3 I. 12.2005 - pro 2005 - dovrà essere utilizzato entro il IO semestre 2006.
Sono fatte salve tuttavia specifiche e motivate eccezioni (malattie o infortuni protratti per lunghi periodi). Tali situazioni andranno valutate dal Direttore di Articolazione Organizzativa Fondamentale che, eventualmente, potrà concedere una espressa deroga fissando nel contempo al Dirigente un ulteriore termine perentorio per la fruizione delle ferie residue.
ORE ECCEDENTI L'ORARIO SETTIMANALE CONTRATTUALE
a) Viene fatto divieto assoluto ai Direttori di Struttura Complessa, nonchè ai Direttori di Articolazione Fondamentale deIl' Azienda, di autorizzare le richieste specifiche di ''recuperoore'' che dovessero essere inoltrate dai Dirigenti/Direttori, quale alternativa all'utilizzo dell'istituto contrattuale delle ferie, che non siano da imputare a:
../ ''Riposo compensativo della giorna~a domenicale lavorativa''
../ ''Riposo compensativo di pronta  disponibilità festiva''
../       ''Riposo compensativo per guardia notturna''.
A tal proposito è necessario quindi che, da parte del Dirigente/Direttore, vengano giustificati gli eventuali riposi compensativi compilando specifica richiesta sul modulo che si allega alla presente e che dovrà essere utilizzato da tutte le strutture aziendali.
Si fa presente che le giornate di riposo compensativo per giornata domenicale devono essere fruite entro i 15 giorni successivi. Per le altre due tipologie compensativo il termine viene prorogato sino ai 30 giorni successivi.
b) Qualora il Dirigente /Direttore provveda in modo diretto ed arbitrario - e quindi anche in assenza di preventiva richiesta - ad utilizzare ''di fatto'' dei recuperi-ore al di fuori delle ipotesi sopra codificate ed in alternativa all'utilizzo delle ferie, il programma informatico della rilevazione Presenze/Assenze registrerà tale circostanza con la dizione ''ASS'' (assenza) e non più ''REC'' (recupero).
c) Sarà compito dei Servizi Amministrazione - Uffici Rilevazione Presenze - operanti presso le strutture aziendali, nell'ipotesi di cui al precedente punto b), forzare il giustificativo ''FERIE'' a compensazione dell' assenza anomala registrata. Tale variazione sarà rilevabile dal dirigente dall'esame del foglio definitivo di presenza in distribuzione a fine mese.
E' fatta salva infine la possibilità di recuperare le ''Ore straordinarie congelate - Anni 1996/97'', formulando in tal senso specifica e distinta richiesta che dovrà essere sottoposta al vaglio del Direttore Responsabile di U.O. del Servizio e del Direttore Responsabile Ji Artico!azione Organizzativa Fondamentale

ORARIO DI LAVORO DEI DIRETTORI DI STRUTTURA COMPLESSA


a) L'art. 27 dei CCPL della dirigenza fissa, per i dirigenti non titolari di incarico di struttura complessa, in quanto soggetti a turni di reperibilità e guardie, una disciplina più rigorosa che prevede l'articolazione in modo flessibile dell'impegno di servizio per correlarlo alle esigenze della struttura in cui sono inseriti e per consentire l'espletamento dell'incarico dirigenziale affidato.


b) L'art. 28 del citato CCPL invece, prendendo in considerazione la posizione dei Direttori di Struttura Complessa, liberalizza l'articolazione del monte orario contrattualmente dovuto (ma non sancisce la soppressione del debito orario minimo) in considerazione dell'incontestabile circostanza che tali dirigenti sono valutati per i risultati complessivi della struttura loro affidata e non certo per la rigidità dell'articolazione degli orari. Tra l'Azienda e le parti sindacai i è stata sottoscritta in data 21.11.2002 una ''informativa sindacale'' (cfr. allegato) che prevede la possibilità del Direttore di optare - in luogo della timbratura con budget magnetico - per I 'autocertificazione mediante foglio-presenza.


Linee Operative


./ A valere dall'anno 2005 va effettuata la segnalazione periodica (cadenza trimestrale) ai Direttori delle Articolazioni Organizzative Fondamentali dei nominativi dei Dirigenti che risultano in debito orario per consentire le opportune valutazioni ed i provvedimenti conseguenti.


./ I Direttori di Articolazione Organizzativa sono tenuti a segnalare ogni comportamento dei Dirigenti/Direttori difforme relativamente all' orario di servizio, quanto meno al Nucleo di Valutazione aziendale per gli inevitabili e consequenziali effetti sulla retribuzione di risultato.
./ In caso di impossibilità da parte del Dirigente di compensare il debito orario maturato si dovrà ricorrere'' su eventuale disposizione del Direttore Responsabile, al corrispettivo recupero economico sulla busta paga secondo le disposizioni previste dai Contratto di Lavoro.


./ L'impegno da parte del Dirigente/Direttore di assicurare l'orario minimo di lavoro
(38 ore settimanali) deve essere previsto nel testo del contratto individuale di lavoro


Distinti saluti.




© Copyright 2000-2002 Cimo Trentino Alto Adige & created by...